Patto di corresponsabilità

 

Patto di corresponsabilità

E’ il documento nel quale sono resi espliciti i diritti e i doveri dei tre soggetti -studente, scuola, famiglia- che costituiscono le componenti che interagiscono nel processo formativo ed educativo. E’ formulato come segue, firmato dal Dirigente e viene consegnato ad alunni e genitori che lo sottoscrivono

LO STUDENTE SI IMPEGNA A

- Prendere conoscenza dei propri diritti e doveri attraverso l’attenta lettura dei documenti forniti dalla scuola, osservare scrupolosamente le norme contenute nel Regolamento di istituto e nel Regolamento di disciplina.
- Improntare i rapporti con tutto il personale della scuola e con i compagni al rispetto e alla correttezza.
- Rispettare la persona altrui evitando ogni atto fisico, verbale o atteggiamento di prevaricazione che possa creare danno fisico, disagio psicologico o offesa.
- Usare un linguaggio consono ad un ambiente scolastico e portare un abbigliamento ad esso adeguato.
Seguire le indicazioni e le istruzioni degli insegnanti, rispettandone le decisioni.
- Contenere al massimo le assenze. In caso di assenza , assumere informazioni dai compagni circa le lezioni svolte e i compiti assegnati, impegnandosi a studiare quanto svolto e ad eseguire le relative esercitazioni.
Prestare la necessaria attenzione durante l’attività didattica, partecipare attivamente alle lezioni evitando ogni tipo di disturbo.
- Impegnarsi assiduamente nello studio per raggiungere gli obiettivi formativi e didattici, acquisendo le conoscenze e competenze fissate nella programmazione di classe.
- Rispettare scrupolosamente le scadenze per la riconsegna degli elaborati in classe.
- Portare sempre a scuola il libretto delle comunicazioni, il diario scolastico, i quaderni delle discipline secondo l’orario giornaliero.
- Tenere nel massimo ordine il libretto delle comunicazioni scuola-famiglia.
- Tenere nel dovuto ordine i quaderni, i raccoglitori e il materiale per le esercitazioni.
- Durante tutto il periodo delle lezioni (compreso lquelle in laboratorio), tenere il telefono cellulare spento e deposto nella cartella.
- Non portare a scuola apparecchiature audiovisive quali lettori MP3, lettori CD, I-POD o simili, e fotografiche.
- Rispettare le cose proprie ed altrui, gli arredi, i materiali didattici, le strutture e tutto il patrimonio comune della scuola.
- Evitare di sporcare i locali con atteggiamento di noncuranza.
- Segnalare al docente coordinatore di classe e/o ai collaboratori del preside eventuali episodi di prevaricazione, di minacce, di violenze fisiche e verbali di cui l’alunno sia vittima nell’ambiente scolastico.
- Accettare le eventuali sanzioni come momento di riflessione sui propri errori.
- Rispettare la normativa sul fumo onde evitare gravi provvedimenti sanzionatori in caso di infrazione.

LA SCUOLA SI IMPEGNA A

- Favorire un dialogo costruttivo fra l’istituzione, gli alunni e le loro famiglie.
- Promuovere una efficace accoglienza al fine di creare un clima di fiducia e favorire momenti di ascolto e di dialogo.
- Sollecitare le motivazioni all’apprendimento.
- Garantire percorsi di apprendimento che, in linea con le Indicazioni Nazionali per il curricolo, consentano a tutti gli alunni lo sviluppo delle loro potenzialità valorizzando, anche attraverso la proposta di un ampio ventaglio di insegnamenti e attività extracurricolari, i loro interessi e le loro attitudini.
- Divulgare, discutere e spiegare agli alunni le norme contenute nei regolamenti interni.
- Promuovere la maturazione di un adeguato senso di responsabilità degli alunni, facendo rispettare le norme di comportamento ed i divieti esplicitati nel regolamento di Istituto e nel regolamento di disciplina.
- Garantire l’informazione alle famiglie sulla programmazione educativo-didattica e sui criteri di valutazione.
- Informare la famiglia sull’andamento didattico e disciplinare dell’alunno attraverso:
colloqui individuali con i docenti; ricevimento pomeridiano di tutti i genitori dopo il primo periodo didattico; comunicazione dei richiami scritti annotati sul registro classe.
- Informare la famiglia su assenze e ritardi non giustificati.
- Assicurare l’informazione circa eventuali riduzioni delle lezioni dovute ad assemblee o scioperi del personale e riguardo a spostamenti degli alunni per visite guidate.
- Dare la massima informazione circa il programma dei viaggi di istruzione.
- Attivarsi per il benessere psicofisico e per la sicurezza degli alunni.
- Tenere costantemente sotto controllo il comportamento degli alunni, denunciando eventuali mancanze del rispetto dell’ambiente e delle strutture scolastiche.
- Intervenire tempestivamente e con la corretta gradualità sanzionatoria nei confronti di comportamenti scorretti e indisciplinati, contrastando con severità ogni azione lesiva della libertà, dell’incolumità e della dignità dell’alunno.
- Rispettare la privacy di alunni e famiglie, non divulgando informazioni sulla loro vita privata.

LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A

- Prendere visione del Patto di Corresponsabilità, del Regolamento di istituto e del regolamento di disciplina, condividerli e farne motivo di riflessione con i propri figli.
- Ricercare e attuare con i docenti una comunicazione puntuale e corretta per una effettiva collaborazione che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi educativi.
- Informarsi puntualmente sull’andamento didattico e disciplinare dell’alunno, partecipare alle riunioni o, in caso di impossibilità, far riferimento ai rappresentanti di classe.
- Firmare sempre tutte le comunicazioni per presa visione, facendo riflettere i figli sulla finalità educativa delle comunicazioni.
- Controllare con frequenza il libretto delle comunicazioni e il diario scolastico dei figli, esortandoli a una tenuta regolare e ordinata (trattandosi di documenti della scuola, non debbono riportare annotazioni di carattere personale né scritti o foto non inerenti l’attività scolastica).
- Accettare e condividere i provvedimenti elencati nel regolamento di disciplina.
- Esortare i figli al rispetto delle disposizioni organizzative della scuola.
- Contenere al massimo il numero delle assenze dei figli. - Fare in modo che i figli vengano a scuola forniti  dell’occorrente materiale didattico e rispettino, anche nell’abbigliamento, l’ambiente di studio.
- Richiamare costantemente il divieto di far uso a scuola dei telefoni cellulari (che debbono
rimanere spenti per tutta la durata delle lezioni e riposti nelle cartelle) e di dispositivi di riproduzione di suoni e immagini.
- Mettere in pratica eventuali provvedimenti correttivi atti a migliorare il comportamento del proprio figlio ed a far comprendere che i provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all’interno della comunità scolastica.
- Assumersi la reale responsabilità del rispetto che i figli devono mostrare nei confronti dell’ambiente scolastico, anche tramite risarcimento in denaro di eventuali danni.
- Risarcire a soggetti terzi gli eventuali danni provocati dai propri figli.
- Esortare i figli al rispetto della normativa antifumo per evitare le conseguenti gravi sanzioni in caso di infrazione.
N. B. - Si rammenta che il Dirigente Scolastico è responsabile dell’incolumità e della sicurezza di tutti i soggetti ospitati nell’edificio da lui presieduto compresa la palestra.